Warning: preg_match(): Compilation failed: nothing to repeat at offset 1 in /data/vhosts/webmarketingpratico.net/httpdocs/main/wp-includes/class-wp.php on line 195

Warning: preg_match(): Compilation failed: nothing to repeat at offset 1 in /data/vhosts/webmarketingpratico.net/httpdocs/main/wp-includes/class-wp.php on line 196

Warning: preg_match(): Compilation failed: nothing to repeat at offset 1 in /data/vhosts/webmarketingpratico.net/httpdocs/main/wp-includes/class-wp.php on line 195

Warning: preg_match(): Compilation failed: nothing to repeat at offset 1 in /data/vhosts/webmarketingpratico.net/httpdocs/main/wp-includes/class-wp.php on line 196

Warning: preg_match(): Compilation failed: nothing to repeat at offset 1 in /data/vhosts/webmarketingpratico.net/httpdocs/main/wp-includes/class-wp.php on line 195

Warning: preg_match(): Compilation failed: nothing to repeat at offset 1 in /data/vhosts/webmarketingpratico.net/httpdocs/main/wp-includes/class-wp.php on line 196

Warning: preg_match(): Compilation failed: nothing to repeat at offset 1 in /data/vhosts/webmarketingpratico.net/httpdocs/main/wp-includes/class-wp.php on line 195

Warning: preg_match(): Compilation failed: nothing to repeat at offset 1 in /data/vhosts/webmarketingpratico.net/httpdocs/main/wp-includes/class-wp.php on line 196

Warning: preg_match(): Compilation failed: nothing to repeat at offset 1 in /data/vhosts/webmarketingpratico.net/httpdocs/main/wp-includes/class-wp.php on line 195

Warning: preg_match(): Compilation failed: nothing to repeat at offset 1 in /data/vhosts/webmarketingpratico.net/httpdocs/main/wp-includes/class-wp.php on line 196

Warning: preg_match(): Compilation failed: nothing to repeat at offset 1 in /data/vhosts/webmarketingpratico.net/httpdocs/main/wp-includes/class-wp.php on line 195

Warning: preg_match(): Compilation failed: nothing to repeat at offset 1 in /data/vhosts/webmarketingpratico.net/httpdocs/main/wp-includes/class-wp.php on line 196

Warning: preg_match(): Compilation failed: nothing to repeat at offset 1 in /data/vhosts/webmarketingpratico.net/httpdocs/main/wp-includes/class-wp.php on line 195

Warning: preg_match(): Compilation failed: nothing to repeat at offset 1 in /data/vhosts/webmarketingpratico.net/httpdocs/main/wp-includes/class-wp.php on line 196
Email Marketing: 5 lezioni dalla campagna di Obama | Web Marketing Pratico

30 dicEmail Marketing: 5 lezioni dalla campagna di Obama

Il presidente Barack Obama è stato notato come uno dei più “connessi” politici del suo tempo, abbracciando i social media e email marketing come pochi prima di lui. La squadra del Presidente ha impegnato tutti i suoi sforzi  di e-mail marketing per raggiungere il successo.

In questo articolo vogliamo  dare un’occhiata a qualche lezione del presidente Barack Obama di email marketing. E faremo anche notare  alcune cose sbagliate.

Cominciamo…

1. Utilizzo di pagine di destinazione personalizzate

Una delle strategie più interessanti  nella campagna di Obama  è l’implementazione delle pagine di destinazione personalizzate per diverse promozioni.

Potreste aver sentito parlare del  popolare Barack Obama “Ask Me Anything” filo di Reddit.com, dove il presidente Obama ha dedicato circa 30 minuti per rispondere alle domande degli utenti Reddit.

Quello che forse non hanno notato è che il link ha portato direttamente a una pagina di destinazione ispirato Reddit , che potete vedere qui sotto:

redditors per Obama

Migliore di tutti è l’aspetto personale, probabilmente  ha portato ad alcuni tassi di conversione fenomenali.

Si può anche rilevare il team di marketing con “linea di vista” qui (con un altro esempio più avanti). Se si segue lo sguardo di Obama, conduce a destra al modulo di iscrizione, ed è stato dimostrato che abbiamo la tendenza a altri seguire gli sguardi degli altri  (così come le frecce).

notare la linea di vista

2. Cliccare sull “oggetto” della mail.

Tutti gli esperti di e-mail marketing sanno che l’ oggetto influisce drasticamente  sui tassi di apertura e, rendere le linee oggetto cliccabile (e su misura per il pubblico) è di fondamentale importanza.

Ecco un grafico grande da NYMag che mostra le linee oggetto della campagna di Obama ha usato negli ultimi mesi:

obama-mail soggetto linee

Vediamone alcuni …

  • Se sei pronto
  • Sto risparmiando un posto
  • Questo è critico

Molto personale, e si basano soprattutto sulla “mancanza di informazioni”, teoria della curiosità, proposta da un esperto, George Loewenstein.

3. Grande uso opt-in form

Una cosa che noterete nel sito di Barack Obama è che il team della campagna è interamente dedicata  sulla raccolta di mail .

Quando si accede al sito, vedrete che una splash page  che si apre per tutti i nuovi visitatori:

stare con la pagina di destinazione presidente

Secondo una ricerca condotta da Dan Zarrella sul proprio sito,  una maschera di pop out non aumenta la frequenza di rimbalzo ma  in realtà aumenta l’iscrizione con un ampio margine.  ( leggere i dati qui ).

Non solo, nel contenuto operativo del sito del Presidente Obama, ci sono numerosi  form che incoraggiano i sostenitori ad unirsi alla sua mailing list.

[...]

Qui sotto c’è un altro form  sulla home page:

above-the-fold modulo

E qui è la barra laterale opt in, che è un posto di rilievo nelle pagine di contenuto BarackObama.com:

sidebar opt-in

Tra l’altro, la forma adatta per lo stato che sei in!

partecipare azione 2

Questo è un uso intelligente di personalizzazione per aumentare sign up. Inoltre, la forma promuove l’azione, utilizzando la copia di “azione di Take” e “Mi Sono!” Per il testo.

4. Follow-up

I marketer di successo sanno che i follow-up sono fondamentali per ottimizzare i risultati per  ottenere  nuovi iscritti di posta elettronica.

Indirizzare  i nuovi abbonati a una pagina di donazione (o una pagina di vendita) subito dopo che si sono iscritti  è un po ‘troppo aggressivo per la maggior parte dei casi ma durante la fase di campagna è quasi un dato di fatto che i politici vi chiedernno di donare.

 BarackObama.com utilizza questa pagina follow-up/thank-you per i nuovi abbonati, incoraggiandoli a donare e sostenere la campagna:

Grazie per esserti iscritto

Dal momento che le persone hanno già fatto un piccolo passo per sostenere Obama (con la firma per la sua lista e-mail), in realtà è un grande momento per chiedere un’altra azione.

Si tratta di un classico esempio di FITD ,  per chiedere un piccolo favore ha dimostrato di essere un ottimo modo per spostare le persone su  un altro, su una richiesta più grande.

5. Split Test delle pagine principali

Con il traffico che riceve BarackObama.com, anche un piccolo miglioramento nelle conversioni e-mail può portare a centinaia di migliaia di nuovi iscritti.

Nessuna sorpresa quindi, che per le sue forme sign-up, i membri del team di Obama Split Test quasi tutto: bottoni, testo, e anche la home page optare trovi

Ecco una versione della home page:

Home page 1

In un’altra versione, il team ha implementato la tecnica “seguire gli sguardi”.  E comprendeva lo stesso Obama che guardava il form d’iscrizione.

Si può vedere  la versione qui:

Home page 2

[...]

Ma aspetta … sta facendo qualcosa di sbagliato?

Un sacco di persone hanno criticato alcune delle tattiche di marketing e-mail del presidente [...]

La denuncia sembra essere quella in cui le e-mail arrivavano. Un bel paio di  messaggi e-mail ( spediti in particolare il Giorno dell’Immacolata), erano indirizate a pagine di donazione per la campagna – anche se il contenuto del messaggio non aveva nulla a che fare con la donazione.

Questo ha frustrato un sacco di gente, e c’è una grande lezione da imparare: chiarezza nelle  email.  I destinatari se si sentono ingannati, si sentono traditi .

 

Fonte http://blog.kissmetrics.com

 

0
0
  
Post Tagged with

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>